Prendono il via ufficialmente le attività del programma di Incubazione del progetto Casa delle Tecnologie Emergenti di Napoli “Infiniti Mondi – Napoli Innovation City” di seguito anche “Infiniti Mondi” o “CTE Napoli”.

Negli spazi dell’incubatore internazionale Fabbrica Italiana dell’Innovazione, in Via Ponte dei Granili, 24 a Napoli, da oggi, lunedì 8 gennaio, sono ospitate le 11 startup selezionate e i tutor che li accompagneranno, in un programma che durerà 6 mesi.

Le 11 startup selezionate che prenderanno parte al programma sono: Billd, Herobots, Logogramma, Emaze Gaming, CityOpenSource, DG Twin, Groove, GreenJim, Imdea, Greta e San Meme.

“Con l’avvio ufficiale del Programma di Incubazione di ‘Infiniti Mondi – Napoli Innovation City’, si raggiunge un traguardo significativo” – ha dichiarato Vincenzo Lipardi, Presidente di SPICI srl. “Il programma, gestito dall’incubatore internazionale Fabbrica Italiana dell’Innovazione, fornisce un terreno fertile per stimolare l’innovazione e sviluppare nuovi modelli di business, favorendo la crescita e l’innovazione nel tessuto imprenditoriale. Siamo entusiasti di far parte di questa iniziativa e di contribuire al successo delle nuove startup nel promettente ambito delle Industrie Culturali e Creative.”

Il programma di Incubazione prevede servizi di formazione e orientamento imprenditoriale, tutoraggio dedicato, accesso alle facilities e alle opportunità offerte dalla CTE Napoli, tra cui spazi di coworking e laboratori tecnologici.

Le 11 startup saranno affiancate da un team di tutor fatto da esperti qualificati, manager, professori, professionisti ed imprenditori, che erogheranno servizi di mentoring e tutoraggio specialistico in modalità one-to-one, alle startup, spinoff e team. Le startup, tutte campane, vedono coinvolte in totale più di 70 professionisti, in larga parte giovani.

I tutor sono: Pierluigi Rippa, Ivo Allegro, Angelo Giuliana, Arianna Cavalli, Mariangela Contursi, Fabrizio Monticelli, Nunzia Cummaro, Marco Meola, Paolo Fiorentino, Giampiero Bruno, Guido Pappadà.

Il programma prevede attività di formazione, di upskilling degli staff e di un’azione di accompagnamento all’internazionalizzazione curata da Chiara Romano, Carmine Russo e Valentina Batista.

CTE Napoli è un progetto del Comune di Napoli, finanziato dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy, che ha l’obiettivo di mettere a disposizione delle imprese un centro di innovazione specializzato su Metaverso, Web 3.0, Gaming/Gamification, Digital Storytelling, Quantum Computing e 5G,per sviluppare e testare prodotti, processi, servizi, startup e nuovi modelli di business nel settore delle Industrie Culturali e Creative. Il programma di incubazione è costituito da 3 cicli, ognuno della durata di 6 mesi e finalizzato alla selezione di un nuove idee di business nel campo delle Industrie Culturali e Creative.